15 Marzo 2020 – Via Francigena da Aulla a Sarzana – in collaborazione con CAI Sarzana

Via-Francigena_120220_Web

0001_110220_Web

La via Francigena è una strada di pellegrinaggio ricca di memorie. L’appellativo di francigena le deriva dall’essere via di collegamento verso l’oltralpe, verso la Francia. I pellegrini, valicate le Alpi al Monginevro, al Moncenisio e al Gran San Bernardo scendevano nella Pianura Padana e piegavano poi per gli Appennini, e, dal passo della Cisa entravano in Toscana e successivamente in Lazio, giungendo infine a Roma. Roma, come Santiago e Gerusalemme, è stata meta rilevante di pellegrinaggi in epoca medioevale; molti si mettevano in viaggio, lasciavano famiglia e averi, facevano testamento e partivano, per devozione e penitenza, formando per secoli una comunità in cammino.
Pellegrino

Storicamente fra Aulla e Sarzana il tracciato della Francigena presenta due varianti: una valliva e una montana. Il percorso che passava da Bibola si affermò nel tempo e venne usato già nel XII secolo da Filippo re di Francia al ritorno dalla terza crociata. Era considerato più sicuro, sia per evitare gli assalti dei briganti, che per le condizioni naturali meno pericolose, soprattutto durante la cattiva stagione per le piene del Magra. Era battuta dai pellegrini, dato che i mercanti preferivano il percorso principale per vendere le loro merci nell’importante mercato di Santo Stefano Magra. Da Aulla si procede lungo la SS 62 in direzione La Spezia e dopo poco si gira a sinistra verso Bibola, antico borgo fortificato che conserva i resti del castello, seguendo il sentiero segnalato bianco-rosso nº 13 del TL. A un incrocio con una strada forestale si continua diritto superando un cancello e salendo fino a una strada asfaltata. Si gira a a destra e subito a sinistra fino a una carrareccia. Si prende a destra e quindi diritto fino ad un quadrivio accanto a una discarica. Arrivati a un’edicola votiva, si imbocca un sentiero sulla destra che porta a una carrareccia che conduce a Bibola. Alla fermata del bus, si gira a destra in discesa fino ad arrivare a Vecchietto. Dopo la chiesa, si prende a destra una mulattiera in salita, che poi diventa sentiero. Arrivati ad una carrareccia, si segue a sinistra e dopo poco a destra all’altezza di uno spiazzo. Si sale fino al quadrivio delle “Quattro Strade”, dove comincia la discesa verso Sarzana. In corrispondenza di un tornante si prende a destra un sentiero che sbuca sulla strada asfaltata per Ponzano Superiore. Nel borgo, si prende a destra una scalinata e per una strada in parte sterrata e in parte asfaltata si scende ripidamente fino alla Nuda, dove si trovano i resti del castello della Brina. Ancora in discesa in mezzo al bosco, si raggiunge il ponte sul Torrente Amola e quindi si prosegue per Sarzana.

Difficoltà:   E /  il percorsosi sviluppa su sentieri facili e segnalati, non presenta difficoltà tecniche né tratti esposti. Necessaria però attitudine  a camminare.

Dislivello : 600 m     in salita / discesa

Tempo di percorrenza : 5/6 h escluse le soste

Lunghezza percorso: 16 km

Sentieri : segnaletica  VF (Via Francigena).

Cartografia :   Guida alla Via Francigena  – Ed. Terre di Mezzo

Informazioni Utili Abbigliamento : Scarponi da trekking o scarpe basse da trail, zaino 20 litri, borraccia (almeno da un 1 l), abbigliamento da escursionismo (giacca a vento, pile, t-shirt tecnica, berretto, etc: si raccomanda di vestirsi a strati).  Pranzo :  al  sacco

Quota di partecipazione per uscita con pullman 52 posti:  Soci CAI € 20,00  Non soci CAI € 30,00 Giovani € 15,00

Saremo accompagnati lungo il percorso dagli amici del CAI di Sarzana che ci faranno conoscere le peculiarità storiche e paesaggistiche dell’itinerario.

Orario di partenza: ore 06.30 Piazza Unità d’Italia – Novellara con pullman Orario di arrivo: 0re 20.00

NB: Il termine delle iscrizioni è fissato per Venerdì 7 Marzo 2020. Se non sarà raggiunto il numero minimo di iscrizioni per effettuare l’uscita con il pullman la gita si effettuerà ugualmente ma con mezzi propri

Per informazioni :  Lorenzini Alves         349.5739256

Per prenotazioni :  Graziella  Calzetti     347.1657696

Per i non soci CAI è necessario oltre alla conferma è necessario avere la data di nascita all’atto dell’iscrizione per poter effettuare l’assicurazione.
L’itinerario potrà variare in relazione alle condizioni meteorologiche e ambientali, oltre che per qualsiasi ragione legata alla sicurezza dei partecipanti.

Questa voce è stata pubblicata in Archivio Eventi, Escursioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...