20 e 21 luglio 2019 – Pale di S.Martino – Val Venegia – Rifugio Mulaz

Rif.-Mulaz_2019_Web

Mappa_al-Mulaz_2019_Web

Il luogo

Itinerario vario e suggestivo, che attraversa la Val Venegia e poi sale fino al Rifugio Mulaz. Il rifugio si trova ai piedi del monte omonimo, ed è una base di partenza o di transito per molte escursioni della zona. Il dislivello, non indifferente da salire, è ripagato da panorami di tutto rispetto, che si aprono e ampliano a mano a mano che si sale di quota. Il Monte Mulaz m 2906 è un “quasi tremila” isolato, situato nella parte settentrionale delle Pale di S. Martino, uno dei pochi raggiungibili con relativa facilità anche dall’escursionista che non possiede capacità alpinistiche. Il panorama a 360 gradi dalla cima è semplicemente grandioso.

Il percorso

1° giorno Dopo aver lasciato le macchine al parcheggio ci si avvia verso est per comoda strada bianca, che costeggia il Torrente Travignolo. Nei pressi di Malga Venegia (raggiungibile con breve digressione
a sinistra del sentiero principale) si procede tra pascoli verdeggianti con la vista sulle Pale di San Martino che cattura presto l’attenzione. Si procede, su pendenza appena percettibile, addentrandosi lungo la valle fino a giungere in vista di Malga Venegiota. Proseguendo per la forestale si trova un capanno in legno e, poco dopo, un bivio, dove si prende a sinistra e poco dopo un altro, dove si prende a destra. In entrambi i casi si seguono le indicazioni per il Sentiero Quinto Scalet e il Rifugio Mulaz. Si sale su pendenza modesta, dapprima in un bel bosco di conifere. La vista già si allarga un poco, abbracciando il Castellazzo e il Massiccio di Cima Bocche. Il sentiero attraversa, salendo con pendenze mai eccessive, prati e tratti più rocciosi aggirando via via verso destra le pareti rocciose del Monte Mulaz. Il Monte si palesa in alto quando si è risalita ormai buona parte del dislivello. La visuale si allarga verso la Val Venegia, Baita Segantini, il Castellazzo, la Catena dei Lagorai e oltre. Si risale ora nel vallone che porta verso Passo Mulaz su sentiero ghiaioso. Nell’ultimo tratto il sentiero passa sotto uno strampiombo roccioso e in breve raggiunge Passo Mulaz. Si traversa poi il fianco meridionale del Monte Mulaz e superato un bivio si raggiunge, dopo aver ridisceso una cinquantina di metri dal passo, il rifugio Volpi. Accattivante la vista sulle montagne che circondano il rifugio, tra cui il Gruppo del Focobon. Dopo la meritata sosta pranzo, per chi vuole, in dieci/quindici minuti di digressione verso nordest, si può raggiungere il Sasso degli Arduini, un piccolo ma significativo rilievo panoramico.

2°giorno In 5 minuti dal rifugio ci portiamo presso il passo e attacchiamo la faticosa rampata di sfasciumi, con tracce vaghe e sbiaditi bolli rossi qua e là. Arrivati in cima a circa 2800 metri di quota, il sentiero piega in costa verso nord est, lungo un costone ripido con tratti un po’ esposti. Si gira quindi sul lato nord e, con pendenza moderata, si arriva facilmente alla cima di m 2906, con la caratteristica “Croce con la campana”. Siamo così in vetta al Monte Mulaz! La vista è da urlo, uno dei più grandiosi panorami a 360 gradi nella zona dolomitica. Il tempo per le foto di rito e per goderci lo spettacolare panorama, bellissimo come sempre osservare l’ardito Passo delle Farangole m 2814, e iniziamo la discesa. Dalla cima del monte Mulaz si ridiscende sul sentiero 710 verso il Passo Mulaz 2619 metri s.l.m. arrivati al passo si prosegue sul sat 710 Baita Segantini Passo Rolle, dopo circa 1h40 si trova il bivio per la Val Venegia e in circa 40 minuti si arriva alla Malga Venegiotta. Arrivati alla Malga si può proseguire lungo un sentiero che segue il torrente Trevignolo, che si incrocia sulla strada sterrata sotto la Malga Venegia o continuare sulla strada sterrata per il parcheggio.

Difficoltà: E con alcuni tratti EE Itinerario su strade forestali, sentieri battuti e su roccia e, senza particolari difficoltà tecniche, ma con diversi tratti con sfasciumi. E’ richiesta predisposizione alle camminate di più ore.

Primo giorno Durata: 4,00 h circa

Dislivello salita: 800 m circa fino al Rifugio Volpi al Mulaz

Secondo giorno Durata: 5,00 h circa

Dislivello salita: 335 m circa

Dislivello discesa: 1130 m circa

Segnavia: Sentiero CAI 710. CART. TABACCO FOGLIO N°022 1:25.000

INFORMAZIONI UTILI

Equipaggiamento obbligatorio: zaino, scarponi da escursionismo, acqua (1,5 lt circa) e cibo per le soste/pranzo al sacco, giacca impermeabile adatta anche a temperature fresche, pile o maglione pesante, pantaloni da escursionismo, copricapo. Equipaggiamento consigliato: guanti, cuffia, occhiali da sole, bacchette.

Pranzo: è previsto pranzo al sacco il primo e il secondo giorno con possibilità, a scelta dei partecipanti, di pranzare ai Rifugi dove effettueremo la sosta.

Orario di partenza: ore 5.30 Novellara P.zza Unità d’Italia con mezzi propri

Arrivo al parcheggio della Val Venegia: ore 9,30

Inizio escursione primo giorno: ore 10,00

Fine Escursione primo giorno: ore 16,00 (con salita al Sasso degli Arduini)

Inizio escursione secondo giorno: ore 8,00

Fine Escursione secondo giorno: ore 17.00

Rientro previsto a Novellara: ore 21.00

Pernottamento: presso Rif. Volpi al Mulaz con servizio mezza pensione per i soci CAI € 45,00 bevande escluse. Per i non soci CAI € 55,00 bevande escluse.

Per informazioni: Giordano Lusuardi 329.2330389

Per prenotazioni: Graziella Calzetti 347.1657696

Quote di partecipazione: Soci CAI € 10,00 Non Soci CAI 15,00

La quota NON COMPRENDE: il viaggio da e per la località di partenza; i pranzi e tutto quanto non espressamente indicato.

Per i non soci CAI è necessario avere conferma entro il mercoledì precedente la data dell’uscita per poter effettuare l’assicurazione. Oltre questo termine non sarà possibile procedere all’inscrizione. L’itinerario potrà variare in relazione alle condizioni meteorologiche e ambientali, oltre che per qualsiasi ragione legata alla sicurezza dei partecipanti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Archivio Eventi, Escursioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...