Massiccio dello Sciliar da Compatsch al Rifugio Bolzano — 27-28 Giugno 2015 –

 

Sciliar

image3

TREKKING: dall’ ALPE di SIUSI COMPATSCH 1890 m, RIFUGIO BOLZANO 2450 m, MONTE   PEZ 2563 m, RIFUGIO ALPE di TIRES 2440 m, FORCELLA DENTI di TERRAROSSA 2499 m, COMPATSCH 1890 m

Partenza e arrivo : parcheggio COMPATSCH ALPE di SIUSI

L’altopiano dello Sciliar fa parte del gruppo del Catinaccio, è un massiccio isolato formato in prevalenza da roccia di dolomia, è incastonato tra le due cime di punta Santner e Euringer, e le creste dei denti di Terrarossa (un’ antica scogliera corallina). Questa conformazione detta “a gradini”dà il senso di questo paesaggio, dove nell’ area sottostante si trova l’Alpe di Siusi, un’ altra vasta area prativa ricchissima di fioriture, dove fanno da cornice fienili, malghe e pascoli di mucche. Suoi confini naturali sono: a nord la Val Gardena, a est la Val Duron, a sud la Val di Tires e a ovest la Val d’Isarco. Dal 1974 è stato costituito un parco naturale provinciale che comprende tutto l’altopiano dello Sciliar e la parte a sud dell’Alpe di Siusi.

La posizione dello Sciliar con la sua cima più alta il Monte Pez 2563m ,lo rende molto interessante per ammirare un panorama a360°; tra cui il Latemar e Catinaccio, Sassolungo, Marmolada, Odle, Gruppo del Brenta, Adamello, le Alpi Aurine e austriache.

Su questa montagna si narrano affascinanti storie e leggende di incontri tra streghe e fattucchiere sull’ altopiano, cosi che adesso è diventato l’immagine del logo e souvenir per i turisti.

 

1° GIORNO

Partenza dal parcheggio di Compatsch 1870m in direzione sud per il Sent. nr. 10, il primo breve tratto è su strada asfaltata, dove poi sulla destra troviamo le indicazioni per sentiero sterrato. Seguendo il Sent. nr. 10 attraversiamo i pascoli, dove a 1950m incrociamo una prima strada, proseguiamo oltre in discesa per arrivare ad una seconda strada con segnavia nr. 5 a 1900m, giriamo a sinistra sempre in discesa dove dopo 15 min. arriviamo alla Saltner Hutte 1850m per una breve sosta.

Si prosegue per il sent. nr. 5 dove si deve oltrepassare il torrente Rio Freddo 1800m; da qui il sentiero cambia radicalmente in quanto inizia la erta fiancata corallina del massiccio dello Sciliar, tra alberi e sassi.

Proseguendo per il Sent. nr. 5 a quota 1900m si incrocia il Sent. nr. 1 (chiamato il sentiero dei turisti) dove si gira a sinistra e si sale su un percorso a zig-zag, si può qui ammirare tutta l’Alpe di Siusi, fino a raggiungere il ciglio dell’ altopiano a 2350m, in cui l’ambiente ritorna ad essere più in falsopiano.

Da qui si prosegue per il Sent. nr. 1 e in circa mezz’ora si raggiunge il rifugio Bolzano 2450m, (una grossa e storica costruzione tutta in pietra, simile a una casa di caccia, fu uno dei primi rifugi dell’Alto Adige nel 1885) qui pernotteremo.

Al tramonto da qui si possono ammirare le belle sfumature di colore rosato che illuminano le aspre pareti del Catinaccio detto anche Rosengarten.

Nel pomeriggio, (facoltativo) si può facilmente salire, in circa 20 min. sulla vetta più alta, il Monte Pez 2563m, la cui cima è composta da un ammasso di blocchi di dolomia su cui si trova una croce, da qui permette di godere di un panorama a 360°, di tutte le più alte vette dell’Alto Adige e oltre (posizione bellissima per ammirare l’alba).

Proseguendo verso nord per una traccia di sentiero in circa 15 min. si può raggiungere Monte Castello 2515m (luogo in cui fin dalla preistoria l’uomo si recava al solstizio d’estate per accendere fuochi sacrificando animali per le divinità, lo testimoniano i ritrovamenti di ossa bruciate e cocci di vaso ), si possono anche ammirare le guglie delle punte Euringer e Santer; il ritorno al rifugio è per lo stesso percorso.

 

2 GIORNO

Partenza dal Rifugio Bolzano 2450m, si ritorna sul Sent. nr. 1 dell’andata dove si arriva al bivio con il Sent. nr. 4 e si gira a destra, da qui si attraversa tutto l’altopiano, in un ambiente detritico fatto di sali scendi accompagnati da ometti di pietra che segnano il sentiero, con la possibilità di avvistare marmotte, camosci e l’aquila reale.

Arrivati a quota 2560m (dove incontriamo il sentiero per la ferrata Maximillian), proseguiamo per il Sent. nr. 4 che gira ai piedi delle creste dei denti di Terrarossa e scende sul versante dell’anfiteatro della Val Ciamin sino al bivio del sentiero del Buco dell’Orso.

Da qui si prosegue sempre sullo stesso sentiero per risalire sino al passo Alpe di Tires a 2440m, dove troviamo il rifugio omonimo con l’inconfondibile tetto rosso; situato su un pianoro tra la Val Ciamin e la Val Duron, al cui cospetto si può ammirare il massiccio del Molignon e le cime del Principe.

Dopo la sosta si prende il Sent. nr. 2 che in poco tempo arriva alla forcella dei denti di Terrarossa 2499m, circondata da molti pinnacoli, altro punto panoramico dove si vede il Sassolungo , il Sassopiatto, il Catinaccio sul versante della Val Duron.

Ora il Sentiero nr. 2 scende con diversi tornanti su un ripido canalone detritico, per arrivare ai primi prati di Punta d’Oro a quota 2200m, da qui il sentiero scende tranquillo su pascoli e passando su alcune passerelle in legno che attraversano la palude di Ladinser si arriva all’Albergo Panorama 2009m.

Ora si scende per la strada con segnavia nr. 7 in direzione di Compatsch 1870 m. e si arriva al parcheggio per il termine dell’escursione.

Difficoltà : E / EE (escursionismo, escursionisti esperti)

Dislivello: 1 giorno 710 m in salita, 150 m in discesa (facoltativi 250 m tra salita e discesa)

                      2 giorno 380 m in salita, 940 m in discesa

Tempi di percorrenza: 1 giorno 3h e 40min , 2 giorno 4h

Sentieri : segnaletica CAI n 10 -5 -1 -4 -2 -7

Cartografia Tabacco 05 Val Gardena /Alpe di Siusi   1: 25.000

 

INFORMAZIONI UTILI

Abbigliamento: è richiesto un abbigliamento di media montagna: scarponi, zaino, bastoncini, capo      

pesante, giacca impermeabile, lampada frontale, cappello invernale ed estivo, occhiali, guanti, boraccia piena, sacco lenzuolo.

Pranzo: al sacco o a scelta presso i rifugi.

Pernottamento: al Rifugio Bolzano con servizio mezza pensione

Prezzo € 38,00 Soci CAi € 48,00 non soci CAI.

Orario di partenza: 5,45 da Piazza Unità d’Italia Novellara con mezzi propri.

Arrivo: 8,30 su all’Alpe di Siusi a Compatsch (la strada per salire è chiusa al traffico dalle 9,00 alle 17,00)

Rientro previsto: ore 20,00 della Domenica.

PREZZO PARCHEGGIO SU ALL’ALPE DI SIUSI 15,00 EURO PER AUTO

chiusura della strada dalle ore 9,00 alle 17,00 con possibilità di scendere a qualsiasi ora

PREZZO TELEGABINA CON PARTENZA DA SIUSI A PERSONA 15,00 EURO

ANDATA – RITORNO

GRUPPO DA 10 –20 PERSONE 13,00 EURO ANDATA—RITORNO

ORARIO ESTIVO DALLE 8.00 ALLE 19.00

Parcheggio gratuito

Per informazioni: Fabio Freddi 348-7363269

Per prenotazioni: Graziella Calzetti 347-1657696

Quote di partecipazione: Soci CAI € 10,00 Non Soci CAI € 15,00

Per i non soci CAI è necessario avere conferma entro il Mercoledì precedente la data dell’uscita per poter effettuare l’assicurazione. Oltre questo termine non sarà più possibile procedere all’iscrizione.

L’itinerario potrà variare in relazione alle condizioni meteorologiche e ambientali, oltre che per qualsiasi ragione legata alla sicurezza dei partecipanti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Archivio Eventi, Escursioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...